Il D.M. 10/03/98 ha disciplinato l’attività di formazione e i corsi antincendio, classificando le aziende in base a tre livelli di rischio (basso, medio, elevato). Il decreto ha fornito inoltre sia i criteri per la valutazione del rischi d’incendio nei luoghi di lavoro, sia le misure di prevenzione da adottare per ridurre il pericolo di un incendio o, nel caso in cui questo si sia verificato, per limitarne le conseguenze. La valutazione del livello del rischio d’incendio dell’azienda viene effettuata dal datore di lavoro attraverso il Documento di Valutazione dei Rischi (DVR).

Il numero dei lavoratori incaricati dal datore di lavoro di attuare le misure di prevenzione incendi, lotta antincendio e gestione dell’emergenza in azienda, deve essere stabilito dal datore di lavoro stesso, che ha responsabilità di gestione e di sicurezza della propria azienda. Una volta incaricati i responsabili aziendali, particolarmente in relazione alla valutazione dei rischi, il datore di lavoro ha l’obbligo di assolvere gli adempimenti in materia di formazione e di accertamento dell’idoneità tecnica degli stessi, secondo le modalità stabilite dal D.M. 10/03/98.

I CORSI